Casellati al Senato, Fico alla Camera, Gentiloni dimissionario

Con una magistrale azione tattica Salvini è riuscito a tempo di record a trovare la quadra per le presidenze in un Parlamento senza maggioranza politica, a prezzo di una nottata insonne. Ha rischiato di far saltare la sua coalizione ma è riuscito a salvare capre e cavoli. Risultato: alla IV…

Continue reading

Verso il 4 marzo: Renzi vs Bagnai, Padoan vs Borghi

Questo Rosatellum è abbastanza avaro del sale della competizione tipico dell’uninominale: i duelli dentro o fuori, i big che si scontrano tra loro sapendo che solo uno arriverà in Parlamento. Anche i confronti interessanti sono pochi, vediamone alcuni partendo dalla regione che è stata centrale per gran parte di questa…

Continue reading

Verso il 4 marzo: Torino incertissima

Torino era una volta storica roccaforte rossa, comunista, sia per il voto delle elezioni locali, sia per quelli nazionali. Poche le eccezioni: tra queste Mirafiori nord nel 1994, quando il forzista Meluzzi sconfisse il comunista Chiamparino alla Camera. Il fatto stesso che tutti i collegi in cui è divisa la…

Continue reading

Al voto, al voto! (Finalmente)

Con la giornata odierna termina l’esistenza della peggiore legislatura repubblicana, la #17. Il Capo dello Stato, sentiti ai sensi dell’art.88 Cost. i presidenti delle Camere (nonché leader di Liberi e Uguali), ha promulgato il decreto di scioglimento delle Camere. Ha inoltre firmato i due dpr per la definizione dei collegi…

Continue reading

Cosa succede dopo lo scioglimento delle Camere?

Convocazione comizi elettorali tra i 45 e i 70 giorni dallo scioglimento proclamazione risultati ufficiali da parte dei giudici entro qualche giorno dallo scrutinio (quelli che escono sul sito del ministero sono risultati ufficiosi, che possono differire da quelli ufficiali) prima seduta delle nuove Camere con elezione dei nuovi presidenti…

Continue reading

Recap. Da Prodi e Berlusconi a oggi

Alcuni punti fissi. Ultimo premier del centrosinistra legittimato dalla vittoria alle urne: Romano Prodi (2006) Ultimo premier legittimato dalla vittoria alle urne: Silvio Berlusconi (2008) Manovre di palazzo: due (fine 2011 e inizio 2014) di cui una eterodiretta, l’altra frutto di ambizioni personali incontenibili governo di compromesso tra i migliori…

Continue reading